Progetto Bassotto

Questo progetto prende ispirazione dal mio cane bassotto. L’intero video mette in luce diversi passaggi: dalla modellazione, illuminazione e texturing fino alla scena conclusiva con tutti gli elementi uniti assieme.

Per realizzare questo lavoro, ho iniziato da un piano fotografico importato in Autodesk Maya, che è stato il mio punto di riferimento per la modellazione; al contempo ho raccolto immagini su Google, foto e ritagli personali relativi al mio bassotto: in questa fase è stato necessario replicare con accuratezza più dettagli anatomici possibili. Il tutto grazie ad uno straordinario strumento quale  Pixologic Zbrush: una soluzione alla scultura digitale in 3D,  che consente di definire forme e dettagli come un vero Michelangelo. Sfruttando penna e tavoletta ho lavorato intensamente sull’anatomia del mio cane.

Successivamente, dopo aver terminato la geometrica con milioni di poligoni, mi sono cimentato in un mix di texturing e poly painting.

Il risultato con materiale (shaded) è servito come base per aggiustamenti e miglioramenti.

Infatti, partendo dal modello con materiale, texture e polypainting (Beauty Pass) ho progressivamente aggiunto le seguenti mappe:

  1. Shaded senza colore: utilizzata per esaltare i dettagli anatomici (con effetto simile ad una cavity map)
  2. Sub Surface Scattering: una semplice mappa senza SSS precalcolato. Utile per conferire al mantello più saturazione e aspetto organico
  3. Ambient Occlusion: utile per aggiungere attenuazione luminosa in prossimita di volumi occlusi e per creare più profondità nella scena
  4. Riflessione: il mantello è stato arricchito con leggere riflessioni speculari (empiricamente aggiunte osservando il mio cane da diversi punti di vista e in diversi condizioni di illuminazione)
  5. Maschera (Matte): utile per separare il modello dal background retrostante

Per concludere sono state aggiunte luci, ombre, correzioni di colore…il gioco è fatto!